skip to Main Content
Laboratorio “leggere La Fotografia”

Laboratorio “leggere la fotografia”

A cura di Gruppo Fotografico 93 in collaborazione con il fotografo Fabio Liverani

Presso
Biblioteca Malatestiana
“Dire il fare. Le arti applicate in biblioteca”

Sabato 28 Giugno 2014 dalle 10 alle 13
25 posti disponibili
Ingresso gratuito

Info e prenotazioni:
info@gf93.it
347-8394687

Scarica la locandina e l’opuscolo con tutti i dettagli.

Il programma completo di “Dire il fare” può essere consultato sul sito www.malatestiana.it

 

Focus del Laboratorio

Questo è un incontro ideale per chi desidera approfondire le metodologie di analisi e lettura di un immagine fotografica al fine di migliorare il proprio stile, composizione e linguaggio fotografico.

Cosa portare

Non è obbligatorio, però è possibile portare su supporto elettronico (chiavetta usb, cd/dvd o Hd esterno), massimo 3 fotografie in formato jpg ad alta risoluzione per una lettura ed un analisi delle stesse.

In alternativa al file, sono gradite anche stampe fotografiche su supporto cartaceo (dimensione libera).

Programma di Massima

Leggeremo diverse immagini di autori “classici”  e del docente scomponendole in una sorta di analisi logica e “grammaticale” al fine di comprendere e gestire le “regole” compositive e comunicative.

Faremo lo stesso con le immagini portate dai partecipanti.

 

Ci sono diverse scuole di pensiero e diverse modalità per leggere una fotografa, non solo, diverse filosofie… Quanto è importante conoscere l’autore al fine di leggerne e decodificarne l’opera?

I simboli che possono comparire in un immagine quanto sono importanti?

 

Per ogni immagine faciliteremo la lettura e l’analisi con semplici esercizi, lettura dei connotati, analisi di cosa denotano i connotati: “lettura connotativa” – “lettura denotativa”.

Vedremo inoltre come i contenuti comunicativi di un immagine siano in evoluzione e mutamento attraverso il tempo: (epocali) e sopratutto filtrati dalla sensibilità e dall’appartenenza culturale non solo come ovvio dell’autore,  ma anche del lettore… chi conclude il processo comunicativo?

Il tutto al fine di avere i mezzi per “smontare” e decodificare al meglio il contenuto e l’ ”espressione” di una immagine fotografica.

 

Fabio liverani

Fotografo e fotogiornalista di professione, collabora o ha collaborato con diverse testate fra cui National Geographic Italia, Geo Magazine, Oasis, Focus, Mondo sommerso, Aqva, Ocean Realm, BBC Wildlife Magazine, Arca, Segni nel Tempo ecc. E’ stato editore di Hydra e collaboratore di Grazia Neri.

Oggi e’ rappresentato dall’agenzia inglese Nature Picture Library con la quale ha pubblicato in testate e libri d’Europa e del mondo.

Da alcuni anni tiene seminari e workshop attraverso Photofarm school of photography, è docente della piattaforma didattica internazionale Manfrotto School of xcelence, tiene inoltre corsi di fotografia a Faenza (Scuola Comunale D’arte Tommaso Minardi) e Cesena (Gruppo fotografico 93). La sua ricerca verte sul linguaggio fotografico e la lettura dell’immagine, i meccanismi filosofici e compositivi della percezione fotografica.

Con la massificazione della fotografa di natura e geografia il suo obbiettivo è oggi puntato sulla più nobile e autentica delle forme di espressione fotografica: la Street, o come dicevano una volta i vecchi fotografi di strada: “la stradale”.

Back To Top
×Close search
Cerca